PIRATI, CORSARI E BUCANIERI

Baia di Palmetto

Baia di Palmetto

Arrivano i Pirati!

Arrivano i Pirati!

Baia di Palmetto, Roatan

Baia di Palmetto, Roatan

 

PIRATI, CORSARI E BUCANIERI - CODICE ISPIRAZIONE DI VIAGGIO: CV4HNS676

YO-OH! YO-OH! La spada, il corvo, il mare! Pirati e corsari, gran filibustieri YO OH! BEVIAMOCI SU’! Rubiamo, assaltiamo, bruciamo, arraffiamo, trinchiamo allegria yo oh! Ci piace aggredire, imbrogliare e rapire, trinchiamo allegria YO-OH! YO-OH!


Il cinema americano ci ha fatto amare i pirati di tutte le storie, anche quelli cattivi; persino i cartoni animati hanno ipnotizzato bambini che subito dopo si sono immedesimati con benda in un occhio ed uncino, nei loro beniamini. Il fascino del pirata, navi che approdano su isole sperdute, mappe del tesoro, forzieri nascosti, hanno sempre fatto gola alla fantasia più bella di grandi e piccini. I bucanieri, i corsari ed i pirati, uniti dall’urlo “All’arrembaggio”, avevano un obiettivo comune, ovvero quello di attaccare e depredare navi, uccidendo tutti, ma con delle piccole differenze. Il termine bucaniere deriva dal francese boucanier, usato dagli Arawak, una tribù caraibica, per indicare i cacciatori di frodo che si nutrivano di carne affumicata sulla graticola di legno, un metodo che proprio gli indigeni avevano insegnato loro. Il corsaro, proprietario mercantile, riceveva dal re una “lettera di corsa”, come garanzia del fatto che se si fosse trovato in un attacco imprevisto, durante il viaggio, poteva difendersi e combattere. Il pirata, invece, operava in maniera illegale, lasciando il mercantile dove lavorava per dedicarsi ad affondare le navi che incontrava. Il fenomeno della pirateria è antichissimo e spontaneo ed è la forma marittima del brigantaggio. Nel Mediterraneo, iniziarono già i Fenici, i Greci, gli Etruschi ad agire senza regole allo scopo di arricchirsi. La guerra per mare non era infatti condotta solo per mezzo di flotte ufficiali, con navi sui cui pennoni sventolavano regolari bandiere. I Romani si impegnarono per debellare la pirateria con punizioni per i pirati catturati, ma la caduta dell’Impero Romano e la nascita di nuove popolazioni trasformarono il fenomeno aggravandolo. Gli Arabi e i Normanni, per esempio, furono visti in un primo tempo più come pirati che come popoli che cercavano di espandere la propria area di influenza. 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini operativi, statistici e pubblicitari. Per sapere a cosa servono i cookie e per impostare le proprie preferenze visitare la pagina Privacy Policy. Continuando la navigazione o chiudendo questo avviso, acconsenti all'uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy.
OK